Any given monday, non si balla solo il sabato sera

Any given monday, non si balla solo il sabato sera
DESCRIZIONE:

È scoppiata la febbre del lunedì sera, il contagio è assicurato. Questa epidemia si chiama “Any Given Monday” e ha i volti di tre ragazzi con una missione difficile: trascinare i giovani clubbers in pista anche nel giorno da "bollino nero", il lunedì, che nell'immaginario collettivo è legato al “trauma” del post weekend. Il progetto di Simeone Mancini, in arte Mokai, Simone Sabatucci</CF> (alias Discount e Daniele Tavani, è decollato nell'ottobre del 2009, in un locale di San Lorenzo, rione dove hanno stabilito il loro quartier generale. Si sono messi in gioco, sfidando l'incredulità e lo scetticismo del gestore e hanno vinto. Dopo poco il grande salto: per contenere lo sciame di giovani, universitari ed erasmus, contagiati dall'energia stravagante di questo nuovo format, la task force di Agm, da un "club underground" si è spostata al Goa di Via Libetta, 13.

Il segreto del loro successo? Il format del party "Made at home", come amano definirlo, ispirato al varietà anni '80. Happening stravagante, dall'aspetto retrò volutamente kitsch, la cui parola d'ordine è divertirsi e prendersi un po' in giro.

I palchi sono invasi da oggetti che creano una vera e propria scenografia teatrale, in linea con il tema della serata: manichini, ciambelle e palloni, robottini giocattolo, persino il "muso" di un furgoncino hippie. Non solo: il progetto Any Given Monday dà spazio anche ad artisti emergenti che si sfidano a colpi di live paintings dando vita al concorso “Writers Wars”.

di Ilaria Scenna



INDIRIZZO:
Via Libetta, 13, Roma

TELEFONO:
338 6327345

www.anygivenmonday.it



.