I segreti dei Torlonia tra tunnel e bunker

I segreti dei Torlonia tra tunnel e bunker
DESCRIZIONE:

Il gusto della scoperta. Se c’è un luogo a Roma che offre l’ebbrezza dell’esplorazione, questo è Villa Torlonia. Senza limiti d’età o smanie culturali. Perché qui la cultura ha un’anima caleidoscopica. Si compone e si scompone in diverse forme e colori disseminando i tredici ettari di parco di mille suggestioni, con fior di edifici storici che rientrano tutti nel Sistema Musei in Comune di Roma Capitale gestito da Zetema sotto l’egida dell’Assessorato alla Cultura e della Soprintendenza capitolina. Villa Torlonia è l’ultima residenza nobiliare costruita a Roma, l’unica tenuta pubblica che risale all’Ottocento, e che risente dell’estro e delle bizzarrie di principi esuberanti. Una committenza incredibile. Soprattutto l’ultimo erede, Giovanni Torlonia, cultore di esoterismo. È ai Torlonia che si deve un’autentica casa delle fate come la Casina delle Civette, trionfo raffinato di stile Liberty, dove le vetrate e gli arredi gareggiano a svelare un mondo popolato di creature fantastiche in un’aura di mistero (complici, quei duetti tra civette e pipistrelli che tanto evocano i simboli esoterici). Sempre a loro si deve il neoclassico Casino Nobile sede oggi del Museo della Scuola Romana (un gioiello per palati fini dove ammirare la collezione di capolavori di Mafai, Vespigliani, Scipione, Pirandello, Antonietta Raphael) e che custodisce nei sotterranei, come uno scrigno, tante meraviglie. 

di Laura Larcan

 

 

 



INDIRIZZO:
Via Nomentana, 70, Roma

TELEFONO:
06 4425 0072

Orario
da martedì a domenica ore 9.00-19.00

24 e 31 dicembre ore 9.00-14.00

La biglietteria chiude 45 minuti prima

 

Giorni di chiusura

Lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio



.